Categorie
European Pirate Party Informazione Sorveglianza Stato di diritto

Il parlamento europeo ha deciso: i dittatori non avranno la tecnologia europea

I regimi autoritari non potranno fruire delle tecnologie europee per opprimere i propri cittadini grazie alla revisione del regolamento sul #DualUse voluta dalla parlamentare #PPEU Markéta Gregorová

Pubblichiamo il comunicato del Partito Pirata Europeo in merito alla revisione del regolamento sul “dual use”, ossia la possibilità di utilizzare tecnologie dal duplice uso civile e militare.

Sessione plenaria del Parlamento Europeo – Controllo delle esportazioni, trasferimento, intermediazione, assistenza tecnica e transito dei prodotti a duplice uso

Bruxelles, 26 marzo 2021 – I regimi autoritari non saranno più in grado di utilizzare le moderne tecnologie europee per opprimere i propri cittadini. Il Parlamento europeo ha approvato la revisione del regolamento sul dual use. I beni a duplice uso possono essere utilizzati per scopi civili e militari, inclusi, ad esempio, droni e tecnologie informatiche. La relatrice per il regolamento è stata l’eurodeputata pirata Markéta Gregorová, che considera l’applicazione del regolamento un grande successo politico. Complessivamente – 642 eurodeputati hanno votato a favore, 37 erano contrari e ci sono state 9 astensioni.

Il regolamento sul duplice uso si concentra principalmente sui nuovi sviluppi tecnologici e risponde introducendo un elemento della tecnologia di sorveglianza informatica, nonché un utile elenco di tali. Grazie al regolamento sarà possibile ampliare la lista in base a quanto sta accadendo attualmente a livello globale. “Come avrebbe potuto essere nel caso delle proteste dello scorso anno in Bielorussia. Lì, Lukashenko ha utilizzato la tecnologia DPI (deep-packet inspection) per limitare i servizi Internet, complicando così la comunicazione per i manifestanti. Ora è possibile valutare una minaccia di questo tipo e limitare in modo flessibile l’esportazione di tecnologia “, spiega Gregorová.

Il regolamento sul duplice uso contiene per la prima volta controlli rigorosi sulle esportazioni per la tecnologia di sorveglianza, obblighi di due diligence per i governi dell’UE e disposizioni in materia di trasparenza sul tipo di tecnologia di sorveglianza esportata e il nome del paese destinatario.

“Il nuovo insieme di regole è fondamentale affinché la società civile abbia il controllo. Le società senza scopo di lucro, le organizzazioni di sorveglianza, i giornalisti e altri saranno ora in grado di indagare molto più facilmente per ottenere informazioni su quali prodotti di sorveglianza informatica vengono esportati in quale paese. L’accesso alle informazioni ora si scatena con le mani per identificare aziende o aree problematiche, come ad esempio sarebbe il caso della società tedesca FinFisher, che importava software di controllo per smartphone in Turchia, dove sopprimeva l’opposizione al regime e doveva essere scoperto solo attraverso investigazioni. “, Afferma Gregorová.

Gregorová considera un successo che il regolamento includa una definizione di cyber-tracking, da cui deriva l’elenco di base dei beni controllati. “Ma sono anche riuscita a far rispettare le cosiddette clausole catch-all o potremmo dire catturare tutto. È una grande vittoria per i diritti umani globali. La sorveglianza informatica europea non aiuterà più i regimi autoritari a opprimere i propri cittadini. Sono lieta che il regolamento offra alle autorità responsabili l’opportunità di estendere il controllo autonomo dei beni che non sono nell’elenco dei beni a duplice uso, a seconda di quale tecnologia nel mondo contribuisce alla repressione o alla violazione dei diritti umani. Ciò porterà a una maggiore flessibilità. Se avessimo solo un elenco rigido, tra tre anni non sarebbe più aggiornato e potrebbe essere aggirato ”, conclude l’eurodeputata pirata Markéta Gregorová.

Il regolamento entrerà in vigore immutato in tutti gli Stati membri entro pochi giorni.


Per ulteriori dettagli e richieste da parte dei media, contattare:

Nikolaus Riss per tedesco e inglese:  nikolaus.riss@europarl.europa.eu, +436769694000

Tomáš Polák per ceco e inglese:  tomas.polak@europarl.europa.eu, +420728035059

I commenti sono disabilitati, ma se vuoi segnalare un errore o aggiungere un contributo, puoi scriverci su Twitter o su Mastodon

A cura di InformaPirata